Site Loader

Per passare delle vacanze più lunghe e soddisfacenti, tutti gli impiegati e dipendenti delle aziende, cercano di concentrare nel periodo estivo la quantità più cospicua di giorni di ferie, questo per trascorrere alcune settimane di riposo con la famiglia o con gli amici, come tutti ben sappiamo le vacanze hanno un costo abbastanza rilevante e incide spesso sul bilancio di un’intera famiglia; benché gli italiani difficilmente rinunciano alle vacanze, ecco perché molte famiglie durante i mesi invernali cercano di risparmiare e di trovare metodologie economiche di risparmio che permettono in estate di partire.

Uno di questi è viaggiare con welfare aziendale.

I Welfare aziendali: come farli fruttare bene

Uno degli aiuti al progetto vacanze di una famiglia media sono senza dubbio i Welfare aziendali, una soluzione intelligente, utile sia il dipendente che al datore di lavoro; e che consente l’acquisto di biglietti aerei e soggiorni in strutture turistiche anche con largo anticipo; inoltre, questi voucher particolari semplificano tutti i passaggi delle prenotazioni e delle partenze.

Un meccanismo semplice ed intelligente, che si basa sui welfare aziendali e su un particolare sistema che è quello di cercare le strutture di accoglienza per le vacanze al miglior prezzo, scegliendo appunto tutti quegli alberghi e hotel convenzionati con i welfare che consentono prenotazioni anche dell’ultimo minuto in qualsiasi struttura di accoglienza.

Con le normali procedure presso tutti gli operatori on-line e le agenzie di viaggio, dove prenotare voli, soggiorni, vacanze in villaggi turistici, richiedendo la convenzione della struttura che abbiamo scelto o dello stabilimento balneare, o residence e quant’altro.

Tutti i vantaggi per dipendenti e aziende dei welfare aziendali

I vantaggi per i dipendenti di qualsiasi tipo di azienda nel convertire i premi di produzione in Welfare aziendali sono molteplici e tutti interessanti, molto rilevante il fatto che la somma che viene percepita dal dipendente come premio produttività è assolutamente libera da qualunque tipo di tassa, come normalmente avviene per tutti i servizi di benefit aziendale; questo genera un vantaggio fiscale al lavoratore che diversamente vedrebbe il suo premio produzione intaccato da un’imposta.

Inoltre, dato che le ferie sono retribuite, grazie all’utilizzo del welfare aziendale il viaggio per recarsi in vacanza risulta praticamente gratuito.

I welfare aziendali non favoriscono soltanto il lavoratore ma anche il datore di lavoro poiché un programma di welfare ben attuato genera positività e benessere nei dipendenti e viene ad avere un esito positivo anche sull’intera impresa; il clima aziendale sicuramente ne beneficia i lavoratori sono più contenti e si preparano a loro periodo di ferie soddisfatti e sereni sapendo di aver risparmiato. Così anche il rientro al lavoro sarà sicuramente più entusiasmato e produttivo.

Soddisfazioni e gratifiche per tutti

Dobbiamo anche sottolineare che i welfare aziendali possono essere utilizzati anche per altre necessità familiari, che esulano dalle vacanze, come ad esempio la possibilità di impegnare questi premi produttività convertiti il welfare per la scuola dei propri figli: per i libri scolastici, le rette universitarie e i corsi formativi.

Va dunque anche spezzata una lancia nei confronti delle aziende che programmano questa forma particolare di agevolazioni ai propri dipendenti che si traducono in vantaggi e gratifiche indirette anche per l’azienda stessa.

Una soluzione che porta soddisfazioni generale, stima reciproca, e più tranquillità economica per tutti.

Il lavoratore sarà gratificato dalla bella figura e soddisfazione di far stare meglio la sua famiglia, preparando i mezzi necessari per offrire ai propri cari le vacanze desiderate.

Mario Verdi